Promo

Mercoledì, 13 Marzo 2013 14:35 Libri e Letteratura

I PASSI DELL’AMORE

Il mio incontro con quest’opera di Nicholas  Sparks, il moderno cantore dei sentimenti, è avvenuto così, quasi per caso. Una sera facendo zapping, annoiato, in cerca di qualcosa da vedere e mi sono imbattuto in un film.

All’inizio sembrava uno di quei classici film americani ambientati nei college in cui c’è il solito bullo circondato dal classico codazzo di ragazzi che lo seguono, non tanto per rispetto o amicizia ma quanto per il solito spirito di imitazione, la voglia di conformarsi alla massa che serpeggia anche ora tra i giovani adolescenti che si affacciano alle scuole superiori e che, per paura di finire isolati, finiscono per unirsi al bulletto più popolare e ad imitarne le “gesta “ e le bravate. Beh, il film inizia proprio così con il bullo e la sua ciurma di bravi che finiscono per coinvolgere il nuovo arrivato al college in un gioco pericoloso, una specie di iniziazione per essere degno del gruppo  in cui il malcapitato viene spinto a saltare da una piattaforma di un altoforno di un‘industria locale in un piccolo laghetto sottostante e finisce in ospedale, quasi privo di vita per il contraccolpo del tuffo aiutato dal guardiano del posto mentre i ragazzi non trovano di meglio che fuggire abbandonando l’amico.