Promo

Virus nei cellulario, Allarme Hacker

  CercoCerco
Vota questo articolo
(0 Voti)
Virus nei cellulario Virus nei cellulario Virus nei cellulario

Cyber crime, l’Italia è una preda facile. Venti milioni di persone con almeno un telefonino, il 35% con lo smart phone, l’86% della popolazione iscritta a un social network, la percentuale più alta del mondo. Ma solo due italiani su cento sono in grado di fermare un attacco informatico. È la fotografia sul cyber crime scattata da Clusit, l’associazione italiana sulla sicurezza informatica che ieri ha presentato al Security Summit a Milano il primo rapporto sulla sicurezza. Un dato per tutti: nel 2011 i rapinatori virtuali sono costati agli italiani 6,7 miliardi di euro.


I cellulari con tecnologia touch corrono un forte rischio. I pirati dello smartphone riescono ad attaccare un apparecchio attraverso le porte wi-fi, per esempio craccando il sistema o semplicemente attraverso il blue tooth. Un’altra operazione a rischio è lo scaricare applicazioni dal market di Android, che spesso nascondono virus latenti. Sempre con gli smartphone, a rischio la messaggistica in arrivo durante i collegamenti alla rete. Basta cliccare e nella sim vengono addebitati i costi di service più o meno legali a pagamento.

 

Share

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento