Promo

Moana Pozzi

  CercoCerco
Vota questo articolo
(2 Voti)
Moana Pozzi Moana Pozzi

Una delle più famose pornostar italiane di tutti i tempi che, a cavallo fra gli Anni Ottanta e Novanta, divenne personaggio glamour e di tendenza.
Misteriosa e carnale fin dal nome (Moana è il nome di un'isola delle Hawaii ed in dialetto polinesiano significa il posto dove il mare è più profondo), è nata e cresciuta in una famiglia genovese cattolicissima, figlia di un ingegnere nucleare e di una casalinga che affidarono la sua istruzione ad un istituto religioso gestito da suore. Dopo aver frequentato il liceo scientifico ed il conservatorio per sei anni  a 18 anni, già bellissima, cerca l'indipendenza e la ribellione di cui ha bisogno.
Partecipa a Miss Italia, ma trova l'esperienza noiosa e inutile e così decide di posare nuda per pittori e fotografi. Il trasferimento a Roma avviene rapidamente ed è lì che Moana entra negli ambienti del cinema facendosi conoscere prima come Anna Maria Pozzi e poi semplicemente come Moana Pozzi.Il suo primo contatto con il cinema avviene nel 1981, in un caldo pomeriggio. Moana passeggia con un amico in una spiaggia del Lago di Bracciano, proprio nel momento in cui Renato Pozzetto  ed Edwige Fenech stanno girando un film. Notata da un produttore, viene invitata a Cinecittà per un provino, di lì a poco il suo esordio davanti alla cinepresa. Ferdinando Baldi le offre una comparsata nella commedia scollacciata La compagna di viaggio (1981) con Anna Maria Rizzoli, dove interpreta una ragazza che fa il bagno a seno nudo.A quello seguirà il suo primo film porno: Erotic Flash di Roberto Bianchi Montero. L'esperienza la diverte, così continua a seguire quella strada spinta dal desiderio di fare qualcosa di poco tradizionale e scioccante. Ma quando i genitori apprenderanno di questo film, romperanno ogni rapporto con lei per oltre un anno. Fortunatamente, il rapporto si ricompone e l'attrice avrà il loro sostegno.

Ads

 

Il suo nome comincia ad echeggiare oltre gli ambienti hard, Moana ha un dinamismo ed uno charme difficile da contenere e sfrutta queste doti per affrontare serenamente le numerose apparizioni televisive in cui è invitata. Nel 1981, lavora a Raidue accanto a Bobby Solo nella trasmissione per ragazzi "Tip Tap 2", continuando parallelamente la sua carriera cinematografica diretta da Luciano Salce, Carlo Verdone, Nando Cicero, Carlo Vanzina, Enzo G. Castellari, Sergio Corbucci, e addirittura il maestro Dino Risi che nel 1984 la inserisce nel film per la tv ... E la vita continua e nel film Il re e il monsignore (1984).

Nel 1986, recita addirittura in un film del grande Federico Fellini, Ginger e Fred, ed è proprio quello l'anno della sua esplosione come pornodiva. Dopo aver assunto come manager Riccardo Schicchi, viene inserita in un live-show erotico dal titolo "Sesso Telecomandato", dove Moana aveva un piccolo siparietto dal titolo "Curve Deliziose". Con Schicchi regista girerà film che "penetreranno" la distribuzione ed il circuito home video.

Nel frattempo continua la sua carriera televisiva e nel 1987 insieme a Fabio Fazio conduce "Jeans 2" su Raitre, un programma pomeridiano per ragazzi, ma la Federcasalinghe, assieme ad altre associazioni , si mettono sul piede di guerra e costringono Moana a lasciare il programma. Ma dopo alcuni mesi torna sul piccolo schermo, diretta da Antonio Ricci in "Matrjoska" su Italia 1. Dopo una puntata in cui compare integralmente nuda, riaffiorano le polemiche e la trasmissione viene sospesa. Ricci, a quel punto, cambia il nome di programma in "L'Araba Fenice" e riesce ad avere Moana come valletta nuda.

Riesce a lasciare una traccia di sé in ogni campo: nella musica, quando nel 1989 canta il singolo "Supermacho"; nella scrittura facendo pubblicare nel 1991 il libro "La Filosofia di Moana" - una sorta di dizionario in cui la pornodiva racconta la sua vita,che diventa uno dei libri più scandalistici e venduti dell'Italia del primi anni Novanta.L'anno dopo si avventura nella politica, presentandosi alle elezioni con il Partito dell'Amore, ma non entra in parlamento, anche se la sua celebrità va alle stelle, tanto che nel 1993 lo stilista Karl Lagerfeld la fa sfilare a Milano e l'imitatrice ed attrice Sabina Guzzanti ne fa un'imitazione gustosa nel programma satirico "Avanzi" (e la stessa Moana le rifarà il verso nella pellicola Amami del 1993).
Nel 1994, dopo mesi di assoluto silenzio, il 17 settembre in Italia arriva la notizia sconvolgente. Moana è morta il 15 in una clinica di Lione per un tumore al fegato, che l'ha consumata in meno di un mese. I funerali si svolgono in forma riservatissima e ciò scaturisce le ipotesi più svariate e fantastiche: come quella secondo cui Moana sarebbe ancora viva e vivrebbe in India.

Dopo quasi 20 anni affiorano molteplici misteri sulla presunta morte di Moana Pozzi.Infatti Sembrerebbe che la pornostar, amante di potenti uomini d'affari e politici influenti, avesse il compito di raccogliere informazioni riservate per conto dei servizi segreti. Inoltre Moana non sarebbe morta il 15 settembre 1994 ma qualche tempo dopo.

Share

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Loading...