Promo

Auto a guida autonoma al via la sperimentazione in Italia

Vota questo articolo
(1 Vota)
Smart road Smart road

Auto a guida autonoma sembra che sara il prossimo futo del trasporto, tanto che quasi tutte le case automobilistiche ci stanno lavorando eseguendo anche dei test su strada. Ora, anche in Italia sarà possibile sperimentare la guida autonoma su strada.

 

Il ministero dei trasporti ha dato il via libera alla sperimentazione su strade dei veicoli a guida automatica.

Con un decreto pubblicato sulla gazzetta ufficiale è stato dato infatti il via libera alle cosiddette "smart road", ossia le strade e le autostrade digitalizzate e provviste di innovativi sistemi di assistenza alla guida.

La legge prevede che chi vorra sperimentare veiocli a guida automa dovra fare richesta al ministero che può autorizzare, la sperimentazione su alcuni tratti di strada, secondo specifiche modalità e controlli durante la sperimentazione, con lo scopo di assicurare che si svolga in condizioni di assoluta sicurezza. Possono chiedere l'autorizzazione istituti universitari, enti pubblici e privati di ricerca, costruttori del veicolo equipaggiato con le tecnologie di guida automatica.

Oltre alla sperimentazione su strada dei veicoli automatici, il decreto disegna anche il percorso verso la sperimentazione degli innovativi sistemi di assistenza alla guida sulle nuove infrastrutture connesse.

La legge getta le basi per gli standard funzionali per realizzare strade più connesse e sicure che, grazie alle nuove tecnologie, possano dialogare con gli utenti a bordo dei veicoli, per fornire in tempo reale informazioni su traffico, incidenti, condizioni meteo, fino alle notizie turistiche.

La Smart Road riguarderà in una prima fase, entro il 2025, sulle infrastrutture italiane appartenenti alla rete europea TEN-T, Trans European Network - Transport, e su tutta la rete autostradale e statale. In seguito, i servizi saranno estesi a tutta la rete dello Sistema nazionale integrato dei trasporti.

Informazioni aggiuntive

  • Ads:

Share

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento